Quando ho letto le informazioni disponibili su Wikipedia su ADHD nei bambini ho scoperto personalmente che i sintomi specifici d’ipotiroidismo sono citati a titolo di disturbo in concomitanza con ADHD:

Sintomi
:

  • “Le depressioni si trovano in adolescenti affetti da ADHD, con una frequenza di almeno cinque volte superiore rispetto ai ragazzi che non mostrano l’ADHD.”
  • “…. Disturbi d’ansia sono stati identificati in numerosi studi per fino a 25% delle persone che soffrono di ADHD. “
  • “… I disturbi ossessivo compulsivi sono presenti nelle persone che soffrono di ADHD circa tre volte più spesso (circa l’8%) rispetto a coloro che non hanno questa condizione (2-3%).”
  • “… Sono stati identificati problemi di apprendimento – con riferimento alla media ottenuta sulla base di una serie di 17 studi nel periodo 2001-2011 – a 45% delle persone affette da ADHD.”
  • “I disturbi del sonno con diversa eziologia sono spesso identificati come un problema che accompagna l’ADHD.”

ADHD = Ipotiroidismo?

Èun ignorante colui che non pensa in questo contesto a un possibile ipotiroidismo.

Broda Barnes dice che nei bambini iperattivi, gli effetti paradossali sono comunemente osservati, con riferimento al loro comportamento e alla loro energia.

Ad esempio, un ragazzo di 10 anni, paziente di Broda Barnes (casi di studio) è diventato estremamente grosso e fisicamente e mentalmente lento dopo che la sua tiroide è stata rimossa.

La maggior parte dei bambini con carenza di ormone tiroideo presentano, secondo Broda Barnes, sintomi simili, ma di un’intensità molto inferiore.

D’altra parte, ci sono bambini iperattivi su chi si suppone spesso vi è un eccesso di ormoni tiroidei, ma in realtà, secondo le conclusioni indicate da Broda Barnes, in questi bambini è più probabile che ci sia una relativa mancanza di questi ormoni tiroidei, aspetto che ha bisogno di essere testato.

Broda Barnes ha anche dichiarato che molti bambini iperattivi sono trattati con anfetamine, il Ritalin per esempio, caffè o farmaci simili per calmarli.

Qual è la spiegazione del fatto che le anfetamine producono un effetto calmante?

Ma qual è il motivo per il quale le anfetamine o il caffè esercitano ovviamente un effetto calmante sui bambini?

Negli adulti, essi non sono intesi per un finale diverso?

Normalmente, le anfetamine sono amministrati come fonte di energia per rimanere svegli ed evitare l’affaticamento.

Così è esattamente il contrario dello scopo perseguito nei bambini iperattivi con la somministrazione di anfetamine.

Broda Barnes ritiene che l’iperattività nei bambini affetti da ADHD è dovuto in realtà a un potente stato di fatica a causa di un possibile ipotiroidismo.

Attraverso un movimento costante, questi bambini lottano contro l’opprimente fatica che li domina.

Le anfetamine producono un effetto calmante sui bambini affetti da ADHD. Qual è la spiegazione? Perché le anfetamine li aiuta a rimanere svegli.

Così, le anfetamine sono dopanti per i bambini.

Conseguenza: improvvisamente, i bambini non si sentono più così stanchi ed esausti e non hanno più bisogno di sforzarsi in modo intenso per combattere questo affaticamento attraverso costante attività e movimento.

Questo perché, prendendo anfetamine, i bambini sono temporaneamente più in forma e sono stimolati in un modo più intenso.

La mancanza di sintomi senza il Ritalin?

In tali situazioni, Broda Barnes apprezza che sarebbe più facile identificare il problema centrale, in questo caso forse fornire un volume insufficiente di ormoni tiroidei nei bambini interessati.

E prendendo opportuni preparati ormonali per sostitutire gli ormoni tiroidei, Broda Barnes dice che molti bambini iperattivi potrebbero sbarazzarsi dei sintomi ADHD senza effetti collaterali, a differenza dei farmaci di solito somministrati contro l’ADHD.

Fonti: “Hypothyroidism: The Unsuspected Illness” von Broda O. Barnes, M.D. und Lawrence Galton; Wikipedia

Tag: #ADHD #bambini #simptomi #Broda Barnes #Ipotiroidismo #Ritalin #anfetamine #iperattività #depressioni trovano #Hashimoto #NDT #Natural Desiccated Thyroid #disturbi sonno #Disturbi d’ansia #disturbi ossessivo compulsivi  #problemi  apprendimento